Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Falsi miti sull’alito cattivo
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Falsi miti sull’alito cattivo

Indice dei contenuti

Problemi di alito cattivo? L’alitosi è un fenomeno piuttosto comune che può suscitare imbarazzo e disagio.

Tuttavia, è anche un fenomeno per cui si sbizzarriscono false credenze e rimedi della nonna. L’alito cattivo dipende solo da ciò che si mangia, o arriva dallo stomaco? Chi si lava i denti non può avere l’alito cattivo, o solo il collutorio aiuta a tenere sotto controllo l’alitosi? È facile capire se si ha l’alito cattivo?

Leggi quindi l’articolo per saperne di più su come prevenire e contrastare l’alito cattivo e i relativi falsi miti!      

Da cosa è causato l’alito cattivo?

Questo problema può trovare fondamento in:

  • Cause sistemiche. Alcune patologie, come quelle che colpiscono il tratto gastro-intestinale (tra tutti il reflusso), predispongono la nostra bocca a una condizione di assenza di ossigeno e alterazione della flora batterica che la abita, causando l’emergere dell’alito cattivo. Ma l’alitosi può verificarsi anche in concomitanza con altre malattie, come quelle che colpiscono il fegato e le vie aeree, o il diabete. Infine, può essere presente anche come effetto collaterale di alcuni farmaci che vanno ad alterare il flusso salivare.
  • Cause orali. Nel 90% dei casi, però, l’alito cattivo proviene solo ed esclusivamente dalla nostra bocca! Può dipendere da ciò che si è mangiato, ma soprattutto dalla salute dei nostri denti e delle nostre gengive.


Non è quindi vero che l’alito cattivo dipende solo da ciò che si mangia o dallo stomaco.
L’alito cattivo può essere un sintomo di diverse patologie che colpiscono la nostra bocca!    

Come eliminare il problema?

Se rientri nella maggior parte dei casi, eccoti alcune soluzioni utili per avere una bocca fresca!

  • Utilizzare un collutorio con azione anti-alitosi. Che tu sia fuori, a casa tua o in viaggio, puoi fare uno sciacquo utilizzando un collutorio rinfrescante con un’azione disinfettante quotidiana a base di un’associazione vincente di oli essenziali e cetilpiridinio cloruro. Ne esistono di diversi formati, adatti anche da mettere in valigia.
  • Pulire correttamente gli spazi interdentali e la lingua. A causare l’alito cattivo sono quasi sempre dei batteri presenti nella nostra flora orale: sono microrganismi a cui non piace l’ossigeno, e che cominciano a comparire sulle superfici dei nostri denti e della nostra lingua quando non le puliamo nel modo giusto a casa. Questi batteri sono in grado di fermentare e produrre gas che si traducono, appunto, in alitosi. È necessario non solo spazzolare dopo ogni pasto, ma pulire anche tra un dente e l’altro con filo e/o scovolino, dato che questi batteri si trovano perlopiù in questa zona. Quindi, il collutorio da solo, soprattutto se non ha la giusta formulazione, e lavare bene i denti potrebbe non bastare per contrastare l’alito cattivo: particolare attenzione va dedicata anche alla pulizia della lingua, dove si possono depositare i residui alimentari stessi. Se ti trovi fuori casa e non sei nella comodità del tuo bagno, puoi utilizzare dei pratici picks in gomma: andrai a rimuovere la placca batterica interdentale in modo igienico e sicuro!
  • Bere abbastanza. L’acqua è importante per avere una bocca fresca: non solo consente un primo risciacquo dai residui alimentari, ma permette al tuo cavo orale di rimanere in equilibrio.
  • Fare attenzione ad alcuni cibi. A volte l’alito cattivo non è causato direttamente dai batteri, bensì da quello che mangiamo. Alcuni cibi e sostanze come aglio, cipolla, caffè ma anche il fumo e gli alcolici, hanno il potere di causare un’alitosi temporanea: solo tramite la respirazione eliminerai pian piano l’effetto di questi cibi. Cosa puoi fare nel frattempo? Puoi ricorrere a un pratico spray rinfrescante da portare sempre con te: opta per un prodotto a base di oli essenziali, con potere rinfrescante e anti-alitosi, potenziato dall’azione di ingredienti naturali come la salvia, la camomilla e cardamomo.
  • Eseguire visite periodiche e sedute di igiene orale. Non dimenticare, infine, che l’alito cattivo potrebbe essere provocato anche da carie non curate o infiammazioni gengivali. In questi casi, l’alito cattivo potrebbe essere più difficile da rilevare, perché ci si potrebbe fare l’abitudine, o l’alitosi potrebbe essere intermittente o lieve. Monitorare costantemente la salute della tua bocca ed eseguire sedute di igiene professionale periodiche sono due armi vincenti anche per un alito fresco!   

 

Prendersi cura del proprio sorriso significa anche avere un alito gradevole: grazie alla cura costante e comodi prodotti da usare dove e quando vuoi la freschezza del tuo sorriso non ti abbandonerà!

I contenuti qui riportati sono stati redatti o validati dai seguenti specialisti Dott. Matteo Basso, Odontoiatra specialista in Parodontologia; Dott. Giordano Bordini, Odontoiatra specialista in Parodontologia; Dott.ssa Silvia Musella, Igienista dentale.

Bibliografia

-Wiatrak K et al. Evaluation of Effectiveness of a Toothpaste Containing Tea Tree Oil and Ethanolic Extract of Propolis on the Improvement of Oral Health in Patients Using Removable Partial Dentures. Molecules. 2021

-Moran JM. Home-use oral hygiene products: mouthrinses. Periodontol 2000. 2008

-Wu J, Cannon RD, Ji P, Farella M, Mei L. Halitosis: prevalence, risk factors, sources, measurement and treatment – a review of the literature. Aust Dent J. 2020

Ultimo aggiornamento: 01/06/2024

Le informazioni qui riportate hanno lo scopo di incrementare e non di sostituire il consiglio di uno specialista. Si consiglia di far sempre riferimento al proprio professionista di fiducia.

Scopri i prodotti

CURASEPT ECOBIO SPRAY
CURASEPT FILO INTERDENTALE EXPANDING
CURASEPT PICKS SCOVOLINI MONOUSO MEDIUM
CURASEPT PROTECTION BOOSTER COLLUTORIO - FROZEN MINT
CURASEPT PROTECTION BOOSTER DENTIFRICIO - HERBAL INVASION
CURASEPT PROTECTION BOOSTER SPAZZOLINO MEDIUM
CURASEPT PROXI SCOVOLINO PREVENTION MIX
CURASEPT SOFTLINE SPAZZOLINO - SOFT 015
punto elenco blu e azzurro, nei colori inconfondibili del brand Curasept

Vuoi accedere ai contenuti Extra? Registrati o fai Login per accedere ai contenuti a te dedicati: articoli, video ,schede… e tanto altro!

Non sei registrato?
Clicca il pulsante qui sotto. La registrazione è gratuita.